In questo articolo andremo ad illustrare le regole base del Blackjack, la storia e lo svolgimento del gioco nella versione europea ed americana, con l’obiettivo di fornire le nozioni necessarie e sufficienti per chi vuole imparare questo gioco di carte tra i più famosi al mondo.

Storia

Le origini francesi di “Vingt-et-un”

Il Blackjack ha origini europee, nasce in Francia nel XVII secolo quando ancora era battezzato “Vingt-et-un”, ossia 21 in lingua madre. Divenne poi universalmente chiamato Blackjack solo quando approdò oltreoceano negli Stati Uniti, con una variazione alle regole del gioco che prevedevano una vincita dieci volte superiore alla posta nel caso in cui il giocatore avesse avuto in mano un Asse e il Jack di Picche. Da qui rimane il nome Blackjack, ossia “Fante Nero”, per ricordare la storia di questo gioco anche se ormai il bonus assegnato a questa combinazione non è più tra le regole di gioco.

Asso di Picche
Asso di Picche

Jack di Picche
Jack di Picche

Il Blackjack è ormai un gioco diffuso in tutto il mondo ed è diventato uno dei più affascinanti giochi di carte nei tavoli da gioco professionali, tra amici ed anche nell’immaginario collettivo, basti pensare anche alle opere dedicate nella filmografia come i famosi film 21 o Rain Man, fino ad arrivare a videogiochi e fumetti.

Svolgimento

Chiedere Carta, Stare e calcolo del punteggio a Blackjack

A Blackjack si gioca con 2 mazzi di carte, l’obiettivo del gioco è totalizzare 21 sommando le proprie carte alla fine della mano. Le carte da 2 a 9 valgono il loro valore nominale, l’Asso può valere 1 oppure 10 mentre tutte le figure valgono 10, di seguito sono riportate delle carte di esempio con valore uguale al loro nominale da 2 a 9.

2 Picche 3 Picche 4 Picche 5 Picche
6 Picche 7 Picche 8 Picche 9 Picche

In basso invece riportiamo le carte con valore uguale a 10, sono compresi tutti i 10 con il loro valore nominale, e tutte le figure. Non importa il seme della carta, qualsiasi carta uguale ad un Jack, una Donna ed un Re contano sempre 10 per arrivare a 21.

10 Picche J Picche Q Picche K Picche

All’inizio del gioco, quando i giocatori sono seduti al tavolo davanti al banco, si effettua la prima puntata ed il banco comincia a distribuire la prima carta scoperta a ciascun giocatore in senso orario, l’ultima carta è quella del banco. Dopo aver ricevuto la prima carta, il mazziere provvede ad un secondo giro di carte scoperte ai giocatori, in questa seconda fase non viene distribuita una carta al banco. Alla fine del secondo giro di carte scoperte il dealer legge i punteggi dei giocatori sommando i valori delle loro carte, che ora decideranno come procedere in base alla strategia individuata. In questa fase i giocatori potranno decidere di chiedere carta, richiedendone una aggiuntiva al banco, oppure stare, presupponendo di aver raggiunto un punteggio sufficientemente alto per battere gli altri giocatori. I giocatori che avranno totalizzato più di 21 verranno automaticamente esclusi dalla vincita della mano e la puntata relativa sarà attribuita al banco, gli altri invece proseguiranno con l’ultima fase di gioco. A questo punto, il banco è obbligato a chiedere carta con un punteggio inferiore a 17, al superamento di questo valore deve fermarsi, se ottiene un punteggio superiore a 21 sballa e pagherà ai giocatori il piatto delle puntate sul tavolo. In caso di punteggi validi, quindi presupponendo che nessuno abbia superato il 21 (banco compreso), il mazziere confronta il punteggio con tutti gli altri giocatori e paga i giocatori con punteggi più alti, prende le puntate dei giocatori con punteggi inferiori e lascia quelle relative ai punteggi in parità.

Il giocatore che avrà in mano un Asso (dal valore di 11) ed un dieci oppure una figura avrà fatto Blackjack e riceverà come vincita una volta e mezzo la posta, infatti sarà pagato dal banco 3 a 2. C’è anche l’eventualità in cui, oltre al giocatore, anche il banco riesca a fare Blackjack, in questo caso la mano è pari.

Raddoppio

Raddoppi la posta e ottieni una carta aggiuntiva

C’è la possibilità per il giocatore di raddoppiare la propria puntata, questo può verificarsi solamente se il punteggio corrente totalizzato è compreso tra 9 e 15. In questo caso, il giocatore che deciderà di raddoppiare la puntata, riceverà una carta aggiuntiva ma attenzione, sarà anche l’ultima carta che potrà richiedere al banco. Infatti, in caso di raddoppio, il giocatore riceverà la carta e sarà costretto a fermarsi.

Assicurazione

Come assicurarsi contro un probabile Blackjack del banco

Quando il mazziere inizia a distribuire le carte con il primo giro di carte, è probabile che al banco capiti un Asso come prima carta scoperta. In questa situazione, c’è la possibilità che al banco esca una figura oppure un 10 come seconda carta, in questo caso gli sarebbe attribuito un Blackjack e le probabilità di vincita per i giocatori sarebbero molto basse. Per tutelarsi contro il verificarsi di un potenziale Blackjack del banco, i giocatori possono decidere di ricorrere all’assicurazione. In questo caso, i giocatori che intendono effettuare questa opzione, prendono come riferimento la loro puntata e si assicurano per la metà dell’importo. Facendo un’esempio, se il giocatore ha puntato 200 e il banco ottiene un Asso come prima carta, il giocatore può ricorrere all’assicurazione mettendo sul piatto 100, ossia la metà della sua puntata. In questo scenario, possono verificarsi due scenari:

  • il banco ottiene un Blackjack: in questo caso il giocatore perde la puntata iniziale ma viene rimborsato con il doppio dell’assicurazione, di fatto concludendosi con un bilancio in pareggio (perde 200 ma viene rimborsato con 100×2 = 200).
  • il banco non realizza Blackjack: a questo punto l’importo dell’assicurazione, che nel nostro caso era 100, viene comunque perso dal giocatore a prescindere dal risultato finale della mano.

Esistono strategie ben precise su quando ricorrere alle diverse opzioni in base alle carte sul tavolo, proseguiamo con l’ultima opzione per il giocatore che andremo a spiegare.

Dividi

Splittare la mano iniziale con due carte uguali

Alla fine del secondo giro di carte scoperte, al giocatore potrebbe capitare di avere due carte uguali. In questa situazione, il giocatore può valutare di effettuare lo split delle carte, ossia la divisione della mano iniziale per iniziare a giocare due mani che verranno portate avanti nel gioco separatamente. Il ragionamento alla base dello split delle carte è abbastanza intuitivo, quando si hanno 2 carte buone si cercherà di aumentare la probabilità di vincita splittando la coppia iniziale, mentre viceversa si cerca di ridurre le possibilità di perdita puntando su una delle 2 coppie successive allo split. In caso di 2 Assi, lo split è consentito ma è possibile tirare una sola carta per ciascuno di essi, ed in ogni caso  il Blackjack ottenuto dopo lo split non viene pagato 3 a 2, perché il Blackjack non è stato ottenuto con le 2 carte iniziali.